Banco Desio lancia le polizze digitali, con Yolo e Helvetia

Teresa Scarale
Teresa Scarale
24.1.2023
Tempo di lettura: 3'
Protezione patrimoniale, immediatezza digitale, consulenza in banca. Come conciliare queste tre esigenze? Una risposta la offre il nuovo servizio di bancassurance creato da un triplice accordo. Ne abbiamo parlato con Alessandro Decio, ad di Banco Desio

Imprevisti di viaggio in paesi lontani, danni causati da un animale domestico troppo vivace, necessità di liquidità sicura per una piccola impresa. Sono molte le occasioni in cui un prodotto assicurativo immediatamente fruibile e sicuro può fare la differenza. Ma sono anche molte le occasioni in cui la difficoltà d’accesso a prodotti assicurativi mirati o la diffidenza nei confronti di piattaforme facilmente accessibili (ma impersonali) si traduce nel mancato acquisto di una polizza. Ovvero, in un deficit di protezione patrimoniale. Proprio per offrire una risposta più ampia e affidabile alle aumentate esigenze di protezione dai rischi di perdite patrimoniali in un mondo sempre più tech, nasce il progetto di bancassicurazione che Banco Desio ha messo a punto con Gruppo Helvetia Italia e l’insurtech Yolo.

Banco Desio e le polizze digitali, la parola all’ad Alessandro Decio

«Da tempo la nostra banca ha avviato un processo con l’obiettivo di rinnovamento che va nella direzione dell’innovazione e della digitalizzazione per offrire ai propri clienti un servizio sempre migliore, che concili la modernità e comodità di accesso da casa e quel rapporto personale e consulenziale che caratterizza il nostro lavoro in filiale e che continua ad essere il nostro elemento differenziante» – a parlare è Alessandro Decio, ad di Banco Desio (in foto) raggiuto da We Wealth. «Sappiamo bene che il nostro punto di forza è la qualità e la competenza che le nostre persone mettono a disposizione dei clienti, ma allo stesso tempo vogliamo mettere i clienti nella posizione di poter scegliere loro come approcciare la nostra banca e soddisfare i loro bisogni».


Parlando di tech e consulenza, come mai avete deciso di puntare adesso sul mercato assicurativo?

«Il settore della protezione si presta molto bene a questo approccio, a volte la protezione dei clienti, la copertura assicurativa non è ideale – sappiamo bene che il mercato italiano è caratterizzato, rispetto agli altri paesi europei, da un livello di sotto assicurazione della persona e dell’impresa, forse perché le modalità di accesso ad alcuni di questi prodotti di protezione risulta a volte troppo complessa o costosa. Il nostro desiderio, insieme ai nostri partner Helvetia e Yolo, è invece di rendere questi prodotti facilmente accessibili e convenienti per metterli a disposizione di tutta la nostra clientela. Vogliamo cogliere appieno le opportunità di sviluppo nell’area bancassicurazione e questa collaborazione è volta proprio a lavorare insieme ai partner più dinamici e innovativi del settore per offrire prodotti e servizi sempre migliori per i nostri clienti». 


Come mai, fra i partner “più dinamici e innovativi” la scelta è ricaduta proprio su Helvetia e Yolo?

«Nel caso di Helvetia si tratta del nostro partner che da sempre ci accompagna con successo nel mondo della protezione. Per quanto riguarda Yolo, siamo particolarmente lieti di iniziare la collaborazione con questa società, una delle più innovative su questo mercato. Ci crediamo talmente tanto da aver deciso di diventarne soci al momento della sua quotazione. Con questi partner intendiamo sviluppare ulteriormente nel tempo il nostro approccio sulla protezione digitale».


Per chi è pensata soprattutto la vostra soluzione di bancassurance?

«Per le persone fisiche, ma anche per le piccole imprese nostri clienti.  Vediamo un importante area di sviluppo in questo settore, e lo perseguiremo con l’obiettivo di rendere sempre più soddisfatti i nostri clienti».


Quali saranno le prossime polizze disponibili?

«Il prossimo rilascio a febbraio sarà la polizza digitale sui viaggi. Poi, subito dopo, una polizza PPI indirizzata alle piccole imprese in abbinamento con il finanziamento digitale».

L’offerta di prodotti assicurativi a disposizione dei clienti della banca include A spasso con Chiara, una soluzione multirischio per la protezione degli animali domestici. I prossimi messi vedranno l’offerta arricchirsi di nuovi prodotti attualmente in fase di studio.

Il modello di bancassicurazione si propone oggi come una delle principali opportunità per far fronte alla rapida digitalizzazione del settore finanziario. Una banca che di questi tempi voglia sviluppare un’offerta di bancassicurazione è chiamata a ripensare la propria strategia in un’ottica omnicanale, in collaborazione sinergica con attori del mondo insurtech. È il caso di Banco Desio: ca partire dall’app OneD, i clienti della banca potranno accedere tramite la piattaforma di Yolo ai prodotti assicurativi messi a disposizione dal Gruppo Helvetia Italia, perfezionando l’acquisto della polizza di loro interesse in mobilità.

 

Una triplice alleanza nel nome della bancassurance

Banco Desio è un gruppo bancario operativo nel nord e nel centro Italia con una rete distributiva di oltre 230 filiali e 2.200 dipendenti. Gruppo Helvetia Italia è una primaria compagnia assicurativa svizzera presente in Italia da oltre 70 anni, mentre l’insurtech YOLO, è uno dei principali operatori nel mercato insurtech italiano.

«Siamo molto soddisfatti di poter aggiungere un ulteriore capitolo alla partnership con Helvetia che dal 2018 ci vede collaborare insieme per abilitare l’offerta assicurativa digitale delle banche partner del gruppo», ha commentato Gianluca De Cobelli, cofondatore e ceo di Yolo Group. «Banco Desio rappresenta una realtà importante nel panorama bancario italiano e poterla supportare nella strategia di crescita in ambito insurtech è per noi una grande opportunità». Gli fa eco Fabio Carniol, General Manager di Helvetia Vita ed Helvetia Italia: «Lo sviluppo dell'offerta assicurativa digitale distribuita da Banco Desio, attraverso la piattaforma di Yolo, si inserisce nella strategia 20.25 del Gruppo Helvetia, che mira ad una crescita costante nel mercato italiano della bancassicurazione grazie anche ai nuovi modelli di business della digital insurance. Siamo inoltre molto felici di poter consolidare la partnership con il Banco Desio, un gruppo bancario di eccellenza con cui collaboriamo da molti anni con piena soddisfazione».

Caporedattore Pleasure Asset. Giornalista professionista, garganica, è laureata in Discipline Economiche e Sociali presso l'Università Bocconi di Milano. Scrive di finanza, economia, mercati dell'arte e del lusso. In We Wealth dalla sua fondazione

Cosa vorresti fare?

X
I Cookies aiutano a migliorare l'esperienza sul sito.
Utilizzando il nostro sito, accetti le condizioni.
Consenti